Chiesa San Michele Arcangelo - Candia C.se (TO)

La pieve di San Michele, dedicata al santo dei Longobardi per eccellenza, viene edificata nel VI sec. per rispondere alla necessità di un polo di aggregazione per i fedeli.

Descrizione

I primi documenti sulla chiesa di San Michele risalgono al XIII sec: il libro delle decime della Diocesi di Ivrea, la dice retta dai monaci dell'Abbazia di Fruttuaria. Nel Medioevo da San Michele dipendevano altre chiese e cappelle, oggi scomparse, come quella di Sant'Eusebio, anch'essa legata a Fruttuaria e quella di San Rocco, entrambe intitolate a santi venerati sul territorio. Tra il 2000 e il 2003 sono stati scoperti sotto il pavimento della pieve resti archeologici della chiesa paleocristiana: tratti dei muri perimetrali e la base di un fonte battesimale circolare in malta, ciottoli e laterizio, che testimoniano il ruolo di rilievo avuto dall'edificio nel VI sec. Gli scavi archeologici sono ora visibili al pubblico.

Nel XII sec. la pieve è stata riedificata invertendone l'orientamento. L'aspetto che doveva avere, in quanto edificio romanico, probabilmente è simile a quello dalla chiesa di Santo Stefano al Monte: tre navate delimitate da pilastri, una profonda abside ed un presbiterio sopraelevato accessibile da una scala in pietra. L'aspetto attuale invece è frutto di trasformazioni susseguitesi a partire dal '500. La struttura è tutt'oggi a tre navate, con pilastri che poggiano su quelli romanici, un grande presbiterio cinquecentesco, coro ad ovest e una facciata di gusto neoclassico. Oltre agli scalini d'accesso al presbiterio romanico emersi dallo scavo, l'unica testimonianza rimasta di questa fase costruttiva è il campanile, inequivocabilmente romanico per la decorazione ad archetti pensili e la cornice in laterizio a zig-zag, in cui sono inserite stele funerarie romane.


Chiese romaniche nelle vicinanze


Cosa visitare in paese

  • Parco Naturale del Lago di Candia. Cinto dalle colline moreniche su cui sorgono gli antichi borghi di Candia Canavese, Vische e Mazzé il lago di Candia si mostra screziato di mille colori che mutano al volgere delle stagioni. Lasciatevi guidare dal canto degli uccelli di palude e dal profumo delle ninfee in fiore: scoprirete una delle zone umide più preziose del Piemonte e, forse, d'Italia.
  • Il Castello è una ricostruzione ottocentesca dell’antico castello che dominava il borgo di Candia.
  • La Torre di Castigilone (XI sec) è ciò che resta dell'omonimo castello che dominava il borgo di Castiglione.

icon infoInformazioni

Indirizzo Via Castiglione, 30 - 10010 Candia C.se (TO)
Telefono 011 9834645
email This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
Sito web www.comune.candia.to.it

icon infoApertura


icon infoCosto

Gratuito