Chiesa Priorato di Santo Stefano del Monte - Candia C.se (TO)

Il priorato benedettino di Santo Stefano ha accolto per tutto il Medioevo i pellegrini che percorrevano la Via Francigena. A prova di ciò rimangono al fianco sud della chiesa resti di fabbricati adibiti a foresteria e alloggio dei monaci.

Descrizione

Edificato entro la metà del XII secolo, il priorato ha subito diverse trasformazioni nel corso dei secoli. Nel XIII sec. il presbiterio è stato rialzato per far posto ad una cripta, dedicata alla Vergine, realizzata con materiali di reimpiego. Nel XVII sec. sono stati costruiti l'arco di sostegno per l'abside centrale, il nuovo campanile all'abside destro, in sostituzione di quello originario in facciata ormai crollato, mentre la cripta è stata ampliata e provveduta di scale d'accesso al presbiterio sopraelevato. Nel '900 è stata ricostruita l'abside della navata sinistra, crollata, e rifatto il pavimento in cotto e non in pietra come in origine. Fino al 1970 poi, la cripta ha ospitato una statua di Madonna con Bambino del XIV sec. attribuita allo scultore fiammingo Jean de Prindall.

La chiesa romanica di S. Stefano ha tre navate e l'originario campanile in facciata è ora testimoniato da due archetti in controfacciata. All'esterno sotto la copertura del tetto corre un motivo di archetti a tutto sesto in cotto e le finestre sono monofore. All’interno la navata centrale è stata riportata a capriate durante i restauri, mentre le laterali hanno volte a crociera. L'ambiente più interessante dell'edificio è la cripta con sei colonne in pietra, volte a crociera con decorazioni geometriche ed alcuni capitelli altomedievali, i cui motivi a dentelli e a semicerchi concentrici richiamano modelli longobardi.

Infine si notano alcuni frammenti di affreschi, databili tra XVI e XVIII sec, all'interno e all'esterno della chiesa. Di questi i più leggibili e pregevoli sono la Danza Macabra, sull'esterno della parete nord, e all’interno, nell’attuale sacrestia, l'affresco della cupola con l'Incoronazione della Vergine tra santi ed agli angoli i resti delle statue degli Evangelisti.


Chiese romaniche nelle vicinanze


Cosa visitare in paese

  • Parco Naturale del Lago di Candia. Cinto dalle colline moreniche su cui sorgono gli antichi borghi di Candia Canavese, Vische e Mazzé il lago di Candia si mostra screziato di mille colori che mutano al volgere delle stagioni. Lasciatevi guidare dal canto degli uccelli di palude e dal profumo delle ninfee in fiore: scoprirete una delle zone umide più preziose del Piemonte e, forse, d'Italia.
  • Il Castello è una ricostruzione ottocentesca dell’antico castello che dominava il borgo di Candia.
  • La Torre di Castigilone (XI sec) è ciò che resta dell'omonimo castello che dominava il borgo di Castiglione.

icon infoInformazioni

Indirizzo Via Santo Stefano - 10010 Candia C.se (TO)
Telefono 011 9834627
email This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
Sito web www.chiesasantostefano.it

icon infoApertura

La chiesa è aperta tutte le Domeniche dal 4/7 al 26/9 - Orario 15.00-18.00


icon infoCosto

Gratuito